Di nuovo è inverno (Irte o scimona)

Irte o scimona

 

Irte o scimona, agàpimu, ce o vrai

‘e sòzzome pleon èggui mes sti’ straa

kundu sto tero, pu to fengari

fènato pròbbio ti èguenne ja ‘mà.

 

Arte e mera e’ kondì ce osso’ pai,

pu a’ pa’ na di ‘e fenete makà.

E fsichra mas kratì sto kantunai

ce efsu vrechi, o ànemo fisà.

 

Pu presta na jurisi o kaloceri,

nârti abbrili, o mai ce nârti o tero,

ce na se sozzo di pale quai meri,

pos m’oli ti’ kardìammu telo.

 

Di nuovo è inverno

 

Di nuovo è inverno, amore, e non possiamo

di sera uscire insieme per la strada,

come d’estate, quando ci sembrava

che splendesse per noi la luna in cielo.

 

È corto il giorno adesso e presto va,

puoi dire quasi che non c’è mai stato.

Piove, c’è vento e il freddo ci fa stare

accanto al focolare rannicchiati.

 

L’estate possa in fretta ritornare:

aprile, maggio, arrivi presto giugno,

così ogni giorno io ti potrò incontrare

e placare la voglia del mio cuore.

 

 

Da: Giannino Aprile, Traùdia, Ghetonia, 1990, pag. 206

Traduzione libera di Salvatore Tommasi

 

 

Lascia un commento