La Madonna degli angeli (I Maddonna tos àngelo)

 

I Maddonna tos àngelo

 

Amesa ittotsu èrimi, palèa,

ìmisi krivimmeni mia kappeddha,

anciklomeni istei potària alèa,

skotignammeni, mavri ce attecheddha.

 

Poddhì ceròn ampì ia’ na’ kumento,

pu manku o pàppomu ìsan ghiennimeno;

i mòneki pu kanna’ sakramento,

ilèane ti’ lutrìa me tosson ghièno.

 

Ma arte ‘en ei tinò na pi lutrìa,

ce to merèo pu ‘mpì stei pesomeno;

ìmine mono i kèccian aklisìa,

me tris tichu kalù c’ena scimmeno.

 

Ats’olu possu stei allimonimmeni,

cisi Maddonna me citt’Angelùddhia;

mono attus proataru e’ torimmeni,

motte na fane perno’ ta proatùddhia.

 

Mott’èrkotte stu’ nummu, reflettèo,

citta krusàffia attes male aklisìe;

pu pame quasi oli sto pinnèo,

na kàmome oli pleo’ poddhé amartìe.

 

Mo despiacèi ats’esena, Madonneddha,

ce quai ti anoò ‘cés si’ kardìa;

jatì poddhì mu fènese attecheddha,

ce afimmeni panta is manechìa.

 

Môrkete tota nârto na se vriko,

Maddònnamu òria panta agapimmeni!

ce an de’ su po kappossa mi’ s’afiko,

ce chari nâcho ats’esena vloimeni.

 

Mott’ime me tus addhu so pinnèo,

nde mu koddhà poddhì na prakaliso;

nde to Patrimò kalà su leo,

jatì pensèo mus addhu na miliso.

 

Ma motte steo me ‘sena icisimùddhia,

se vlepo me t’ammàddia tis kardìa;

anciklomeni oli ats’Angelùddhia,

mu fènese i pleon òrian aklisìa!

 

Isù me citt’ammàdia ta glicèa,

satti me kanonì apu pa’ s’ artari,

ivò se prakalò me pono mea,

Maddonna jenomeni atse litari.

 

Poddhì e’ palèo to spiti ce scimmeno,

misismimmeno stei mi’ skotinìa;

nde sozi mini pleo, teli stiammeno,

andé manku pleo fènete aklisìa.

 

Maddònnamu pu ise atse litari,

ivò se prakalò me ti’ kardìa:

afitisomme! Kàmemu mia’ chari!

Vloisommu tu dikù me ta pedìa!

 

Mott’èrkome ‘s esena na se vriko,

simati ene t’ime prikomeno;

to’ pònommu varì, èrkome n’afiko,

apà’ sto mavro artàrisu vloimeno.

 

Manku mia spara echi apà’ ‘s artari!

ce o linnuddhi puru istei svimmeno;

‘en echi ena armenu nâchi chari,

na di an isvisti o an istatì anammeno.

 

‘E telo na s’afiko prikomeni,

s’addhasso ce s’anatto to linnaci;

ce puru i fiuri itèlone addhammeni,

pu ditsammeni stèone so miulaci.

 

Aplus* fiuru ivaddho, Maddonneddha,

aplu san is esena, roselline;

amblutsu vaddho, na’ kladì* mirteddha,

fiuru atse vado me tris paparine.

 

Na mi’ kitetsi ajerini maneddha,

an iquai tosso me torìs emena;

ittù se prakalò me ti’ tsicheddha

mi’ manechìa tu otsu ce me ‘sena.

 

Sas prakalò Maddonna ce Angelùddhia,

sas prakalò m’a fiddha tis kardìa;

vloisetemmu ola t’attechùddhia,

pu atse kanena èchune afitìa!

 

Sas prakalò ja possa ipà’ chamena,

tos tosses mane ta kàjo pedìa,

pu ti’ zoìtto ikatsa’ kundu ‘mena,

kundu quai sciddhu is mia’ kakì tsenìa.

 

Imìlisa me ‘sena, Maddonneddha,

ce isù prikì me tòrise na klatso!

cino pu sûpa ivghike atti’ tsicheddha,

ce kundu vghike ìtesa na to gratso.

 

An icha na su po… oh, possa eo!

Maddònnamu òria, ‘e kànigghe oli i mera!

ma to poddhì, e’ poddhì ce se sikkèo;

s’afinno, Maddonneddha: kalimera!

 

La Madonna degli angeli

 

Tra la campagna. eterna, stravecchia,

si trova seminascosta una cappella;

circondata sta di piante d’ulivi,

scura, annerita e poverella.

 

Era in antico tempo un convento,

mio nonno allora ancor non era nato,

i monaci che teneano sacramento,

dicean la messa insieme a tanta gente.

 

Ma ora più nessuno dice messa,

la parte posteriore è già in macerie;

è rimasta solo la piccola chiesetta,

con tre muri spaccati ed uno sano.

 

Da tutti quanti è ornai dimenticata,

quella Madonna con quelli Angioletti;

spesso la vedon solo i pecorai,

che portano a pascolar le pecorelle.

 

Quando mi viene in mente io rifletto,

tutti quelli ori delle grandi chiese:

che tutti quanti andiamo quasi spesso,

in maggior parte a far di più peccato.

 

E per te mi spiace, Madonnina!

e sento un non so che dentro il mio cuore,

perché assai a me sembri poverella,

ed anche assai soletta e abbandonata.

 

Mi viene allor di venire a trovarti,

Madonna mia bella, sempre cara!

E se non ti parlo a lungo a non lasciarti,

e grazia che abbia da te benedetta.

 

Spesso quando mi trovo con gli altri,

non ho molta voglia di pregare:

né il padre nostro dico bene,

perché con gli altri penso a parlottare.

 

Ma quando vengo solo a te vicino,

ti veggo con gli occhi del mio cuore:

tutta attorniata di angioletti,

mi sembri la più bella delle chiese!

 

Con gli occhi dolci tuoi da sull’altare

pare che tu mi comprendi;

mentre con doglia grande io ti prego,

Madonna che scolpita sei alla pietra.

 

Molto vecchia è la casa tua, e scassata,

e al semibujo appare ancor più tetra:

non si può stare più si ha da rifare,

sennò neppur sembianza ha più di chiesa.

 

Madonna mia che fatta sei di pietra,

io ti prego con il cuore:

aiutami! Fammi una grazia!

Benedicimi i parenti e i figli miei!

 

Quando io vengo qui a trovarti,

segno è che sono amareggiato;

il mio pesante duol vengo a lasciare,

sul tuo annerito altare benedetto.

 

Nemmeno un drappo vi è sul tuo altare,

e anche il lumicino giace spento;

uno non v’è, nessuno che dovere senta,

e veder se spento è o pure acceso?

 

lo non voglio lasciarti mesta,

ti cambio e ti accendo il lumicino;

e anche i fiori vogliono cambiati,

che disseccati stanno nel vasetto.

 

Semplici fiori ti metto Madonnina,

semplici come te, delle roselline;

cipollacci metto, un ramo di mortella,

fiori di rovo con tre rosolacci.

 

E non guardare madre mia celeste,

se ogni tanto a te mi vedi accanto;

così potrò pregarti col mio cuore,

solo con te e con l’erema campagna.

 

Vi prego Madonna ed Angeletti,

vi prego col profondo dei mia cuore!

Beneditemi tutti i poverelli,

che da nessuno hanno mai aiuto!

 

Vi prego per quanti van perduti,

delle tante madri i lor migliori figli;

che loro vita come me bruciaron,

come o dei cani in terra forestiera.

 

Parlai con te Madonnina,

e tu mesta mi vedesti piangere;

ciò che ti dissi sgorgò dal mio cuore;

e come uscì così lo volli scrivere.

 

Se tutto dovessi dirti… oh quanto ne avrei!

Madonna bella non basterebbe il giorno!

Ma il troppo è troppo, alfin ti seccherei;

ti lascio Madonnina, il mio buongiorno!

 

Da: Cesare De Santis, Col tempo e con la paglia, Amaltea edizioni, 2001, pp. 60-65

Traduzione dell’autore

Le parole con l’asterisco sono prestiti dal greco.