Ninne nanne (Calimera)

 

To, to, to,

posso pai ce o’ pelekò,

ce dopu o’ pelekiso

emena nghizzi n’o’ muttiso.

 

Neddhi, neddhi, neddhi,

mu to’ piàkane sto kasteddhi,

na plosi mi’ signura

na tu kami mia’ kamisula;

evò ipa ti ‘e ton dio

an de’ mu doi o kajo chorìo.

 

Ninò, ninò, ninò,

patera, kanòniko, n’on do,

kanòniko atti’ regina

bonsignuro atto Terentò.

 

Tonni, tonni, tonni,

e mànatu to plonni;

Ma tino kanni nanna?

Ma to’ ciuri ce mi’ mana.

 

Nana, nana, nana,

dekatrìa na kami e mana

dekatrì massarie

ce to’ dìome mian jana.

 

Ninà, ninà, ninà,

tui mu skònnete pornà,

ce pai stin aglisìa

na mu kusi ti’ lutrìa.

 

Nineddha, nineddha, nineddha,

teli us takku ti e’ kondeddha,

mu lèune e kristianì

teli us takku ti e’ kondì.

 

Na, na, na,

e kiatera mu troi t’agguà,

e mana tis ta ftinni

ce e Lucia mu ta rufà.

 

To, to, to,

plùsio nâne o petterò,

cino depoi peseni

ce o kalòttu emà ma’ meni.

 

Na, na, na,

ce o pedimmu mu petà,

ce pai panu panu

m’a puddhìa ta petanaà,

pai panu stin anghera

m’a puddhìa tis primavera.

 

Nia, nia, nia,

oles e mane echu’ pedìa,

ce a pèrnune ettumbrò,

sa’ to pedimmu ‘en ei tinò.

 

Nanà, nanà, nanà,

tuo mu grafi ce meletà,

mu kanni tossa tossa,

pezzi mèndule ecì sti’ fossa.

 

Neddha, neddha, neddha,

sentsa mai mu pai junneddha;

m’o lèune e kristianì

ti sentsa mai mu pai junnì.

 

To, to, to,

scommettiamo che lo picchio,

e dopo averlo picchiato

a me tocca farlo tacere.

 

Neddhi, neddhi, neddhi,

me lo han preso al castello

perché dorma con la signora

che gli farà una camiciola;

ma io ho detto che non lo do

se non mi dà il miglior villaggio.

 

Ninò, ninò, ninò,

prete, canonico, che lo veda,

canonico della regina,

vescovo di Otranto.

 

Tonni, tonni, tonni,

la mamma sua l’addormenta;

E con chi fa la nanna?

Col babbo e con la mamma.

 

Nana, nana, nana,

ne faccia tredici la mamma,

tredici masserie

e diamo una ciascuno.

 

Ninà, ninà, ninà,

questa mi s’alza di buon’ora

e va in chiesa

ad ascoltare la messa.

 

Nineddha, nineddha, nineddha,

vuole i tacchi ché è bassina,

me lo dicono le persone

vuole i tacchi perché è bassa.

 

Na, na, na,

mia figlia mangia le uova,

sua madre gliele arrostisce

e la mia Lucia se le sorbisce.

 

To, to, to,

ricco sia il suocero,

e dopo lui muore

e i suoi bene restano a noi.

 

Na, na, na,

il mio bimbo vola

e va su su

con gli uccelli volanti,

va su per il cielo

con gli uccelli di primavera.

 

Nia, nia, nia,

tutte le mamme hanno figli

e li portano qua fuori

ma come mio figlio non c’è nessuno.

 

Nanà, nanà, nanà,

questo mi scrive e mi legge,

mi fa tante cose,

gioca a mandorle nella buca.

 

Neddha, neddha, neddha,

senza camicia mi va nuda;

me lo dicono le persone

che senza camicia mi va nuda.

 

Da Giannino Aprile, Traùdia, Ghetonia, 1990, pp. 157-158

 

 

Lascia un commento