Ninne nanne (Martano)

Ninne nanne (Martano)

 

Queste ninne nanne sono riportate in un quaderno di autore martanese ritrovato tra i manoscritti di Vito Domenico Palumbo. Trascritte e tradotte da Salvatore Tommasi, sono contenute nel volume di Francesca Licci, Iu’ lei o lȏ, Ghetonia, 2015, pp. 124-136.

 

Nana, nana, nana,

mia kiatera nâchi e mana,

ce mia manechì

tosso ghià rucha ce ghiò psomì.

 

Na, na na,

e Maria mu stei kalà,

mu troi ce mu pinni

ce magà mu polemà.

 

Nazzo, nazzo, nazzo,

paparina ce lapazzo,

a kannome dianimmena

na ta fame ola nomena.

 

Ninia, ninia, ninia,

oles e mane na kamu’ pedia,

pedia ce kiatere:

tèlune dota ce armammene.

 

Ninì ce ninà,

tis echi cèrata stei kalà:

etroi ce pinni

ce makà de’ polemà.

 

O ninò ce o ninò

evò s’ermazzo e Derentò

ecì pȏi poddì afsari   

na mu feri a rotulò.

 

O ninò ce o ninò,

evò in embelò ecimbrò

in embelò es ti’ strata

piaketèmmuti ja karitata.

 

O nineddha ce o nineddha

attin Napoli ene e kunnedda

attin Romi o dattiliti

attin Venezia to mantili.

 

Pantaleo, Pantaleo,

entàliso, entàliso ka evò choréo;

n’antàliso kalà

o mèscio Pati se pelekà.

 

Ninò, ninò, ninò,

òrio mitti ce lemò

òrio to cangareddhi

polemimmeno ma dio pinneddhi.

 

O ninazza ce o ninazza,

e kiatera epai es karozza,

epai mo’ karozzieri

na m’i’ pari ce na m’i’ feri.

 

Ninò, ninò, ninò,

e campane tu Derentò

entalune ma dio kutugna

in emera to’ martirò.

 

Neddha, neddha, neddha,

e’ kaledda tui kiatereddha,

an ìo’ na’ pedai,

o kratènnamo sa’ miulai,

ce iu e’ kiatereddha

c’i’ kratennome san bukaleddha.

 

Trappitari, trappitari,

sentsa làchana sentsa afsari;

sentsa krea es tin buccirìa

e’ kaddio làchana ka kuccia.

 

Tungo, tungo, tungo,

epai es tin makkia ce ferni fungo,

eferni attus kalù, na tu’ dòkume u ciurù

efèrnome tus fiakku, na tu’ dòkume u pappu.

 

Ninà ce o ninà

evò guenno es tin ghetonia

o skordo tu kremò

mi’ me vaskànune ka en amartìa

 

Karkadittammò  

mirisommo to’ lemò

ka echo mia’ petterà

ce panta mu di kuccìa amà.

 

Duro, duro, duro,

epao es Kannole ce es Muru

ecì pȏi kiatere òrie      

ce puru pedìa signuru.

 

Ninò ce o ninò

a’ ti’ telo tin embelò

ti’ telo ce ti’ pianno

ene amartia na mȏchi danno.

 

Nana, nana, nana,

zumaratsi s’ekanni mana

tis ekanni simuleddha

n’is gomosi ciofaleddha

ce tis kanni puro

mia’ kambareddha gomai fiuro.

 

Ninà ce o ninà,

na min aska presta ta pornà,

mu katalì e muntura

ce o sereno me adinatà.

 

O ninò ce o ninò

patera o kanonico n’on do,

n’andevi na predikefsi

na skascefsi o’ pulpitò.

 

O ninò ce o ninò

na pesani o petterò,

o petterò peseni

tis kiatèramu o rucho emmeni.

 

Nana, nana, nana,

una figlia abbia la mamma,

ed una solamente

sia per le vesti che per il pane.

 

Na, na, na

mi sta bene la Maria

mi  vuol mangiare e bere

e però non mi lavora.

 

Nazzo, nazzo, nazzo,

papavero e lapazio,

ce li facciamo fritti

e li mangiamo tutti insieme.

 

Ninia, ninia, ninia,

tutte le mamme facciano figli

facciano figli e figlie:

vogliono dote per sposarsi.

 

Ninì e ninà,

sta bene chi ha le corna:

mangia e beve

e non ha da lavorare.

 

Ninò e ninò

a Otranto ti sposerò

dove c’è molto pesce

e me ne porterai un rotolo.  

 

Ninò e ninò,

la butterò lì davanti

la butterò per strada

prendetemela per carità.

 

O ninella, o ninella,

viene da Napoli la gonnella,

da Roma viene l’anello

e il grembiule da Venezia.

 

Pantaleo, Pantaleo,

suona, suona che io ballo;

se non suonerai bene

maestro Ippazio ti picchierà.

 

Ninò, ninò, ninò,

bello il naso, bella la bocca,

anche il mento è molto bello

lavorato con due pennelli.

 

Ninazza, ninazza,

la figliola va in carrozza,

se ne va col vetturino

che me la porta e me la riporta.

 

Ninò, ninò, ninò,

le campane di Otranto

suonano con due battagli

il giorno dei martiri.

 

Neddha, neddha, neddha,

com’è bella questa bambina,

se fosse un bel bambino,

lo terremmo come un bicchiere,

ma è una bambina

e la teniamo come una brocca.

 

Frantoiano, frantoiano,

senza verdura e senza pesce,

senza carne nella macelleria

meglio la verdura che le fave.

 

Tungo, tungo, tungo,

vai alla macchia e porti funghi,

porti quelli buoni per darli al padre

portiamo quelli scadenti per darli al nonno.

 

Ninà e ninà,

esco nel vicinato e appendo l’aglio

perché non mi gettino il malocchio

che è peccato.

 

Carcadittammò

odorami la bocca

perché ho una suocera

che mi dà sempre fave crude.

 

Duro, duro, duro,

vado a Cannole poi a Muro,

lì ci sono belle ragazze

e anche figli di signori.

 

Ninò, ninò,

se la voglio la butto,

la voglio e la prendo,

è un peccato che stia male.

 

Nana, nana, nana,

le focacce le fa la mamma

le fa il semolino

per riempirle la testolina

e le fa pure

una stanzetta piena di fiori.

 

Ninà e ninà,

non alzarti presto la mattina,

la rugiada mi rovina

e il sereno mi fa ammalare.

 

Ninò e ninò

vorrei vederlo prete o canonico

salire per predicare

ed il pulpito scassare.

 

Ninò e ninò

che muoia il suocero,

il suocero le muore

a mia figlia resta la roba.

 

 

 

Lascia un commento