Fiaba 100 – L’anello della madre (O kunto mo daftilidi)

Raccontata da Vincenzo Cappa Lefons a Calimera, l’11 ottobre 1885, e raccolta da V. D. PALUMBO.
Corrispondente in parte al tipo 510 B dell’indice AARNE-THOMPSON, questa fiaba è presente in tutta Europa ed è molto diffusa in Italia, come testimonia I. CALVINO, che riporta nella sua raccolta una versione romana arricchita da elementi presi da altri testi.

» Continua

Fiaba 101 – A scuola di misoginia (O kunto me’ ghineke)

Raccontata da Gaetana Parma a Calimera, il 18 agosto 1885, e raccolta da V. D. PALUMBO.
Di questo racconto, che in parte si avvicina, relativamente ai raggiri per entrare nelle grazie della ragazza, al tipo 900 A dell’indice AARNE-THOMPSON, non ho trovato altri riscontri. Mi sembrano motivi d’interesse del racconto l’iniziale contenuto didascalico, la descrizione della ricerca della ragazza, il parlare allusivo, attraverso la proposta di un enigma, della parte finale della storia.

» Continua

Fiaba 102 – Il ladro premiato (O kunto mu’ magu)

Raccontata da Concetta a Calimera, il 5 agosto 1885, e raccolta da V. D. PALUMBO.
Corrisponde fondamentalmente al tipo 950 dell’indice AARNE-THOMPSON, I due ladri, parzialmente contaminata nella parte iniziale col tipo 1525 N (i ladri che si truffano a vicenda) e, in uno dei particolari, col tipo 1740 A (le capre con le candele sulle corna). Questo racconto, di vastissima diffusione, ha una lunga storia. Compare per la prima volta in ERODOTO…

» Continua

Fiaba 103 – La vendetta dell’innamorato (O kunto mon annamurao)

Senza titolo nel manoscritto e appartenente a un gruppo di testi scritti con grafia diversa e recanti il nome di Lucia Montinari.
Anche la mancata corrispondenza all’amore viene vissuto qui come una colpa che prima o poi porterà ad esiti fatali. Come in altri racconti, il nostro narratore popolare sembra preferire il matrimonio d’amore a quello d’interesse e premia quasi sempre la fedeltà e la spontaneità al di là di ogni calcolo e di ogni convenienza.

» Continua

Fiaba 105 – Troppo tardi per il matrimonio (O kunto mo’ signoro mea ce i’ signura mali)

Raccontata da Vincenza Campanelli a Calimera, il 24 settembre 1885, e raccolta da V. D. PALUMBO.
Come in Giulietta e Romeo, anche in questa storia d’amore, della quale ho trovato un interessante riscontro, sia per la trama che per la conclusione simile, nella storia di Rodolino e Violante dello STRAPAROLA (IX, 2), il ritardo è la causa del tragico esito.

» Continua

Fiaba 106 – Il fratello trasformato in agnello (O kunto mon arnai)

Raccontata da Losa Gaetana a Martignano, il 10 ottobre 1885, e raccolta da V. D. PALUMBO.
Lo sviluppo esile e sommario della nostra versione contiene la trama fondamentale di una fiaba molto diffusa, del tipo 450 dell’indice AARNE-THOMPSON. CALVINO, che riporta nella sua raccolta una versione siciliana (178), nota di aver trovato di questa fiaba solo versioni infantili e rudimentali.

» Continua

Fiaba 109 – La candela, la piuma e la bacinella (O kunto mi limba, mi kandila ce mi pinna)

Versione senza titolo né data appartenente a un gruppo di testi scritti con grafia diversa e recante il nome di Michelino di P. Mòntena.
Il motivo centrale di questa fiaba (comparsa del principe, ferimento, guarigione), riferibile al tipo 432 dell’indice AARNE-THOMPSON e notevolmente diffuso in Europa, si trova anche in alcune versioni siciliane (LO NIGRO, p. 71).

» Continua
1 9 10 11 12